Preamplificatore linea AM200P DCC

Di Piero e Pierfrancesco

 

 

Premessa

Siamo due amici di lunga data uniti dalla passione per la musica ( purtroppo solo ascoltata ), i nostri nomi, Piero e Pierfrancesco.

Come qualcuno di voi avrà già notato guardando le foto, questo pre non è uscito ieri dal nostro laboratorio, ha esattamente 20 anni!

Periodo in cui fare elettronica a certi livelli era “eroico” ( fatemi passare il termine ), in quanto non c'erano CAD specifici per progettare i PCB, i quali dovevano essere realizzati completamente a  mano, non c'era internet per cui trovare i componenti giusti, sopratutto in una piccola città come Carrara, significava andare a La Spezia fare degli ordinativi “massicci” e attendere mesi per l'arrivo del materiale.

Lasciateci passare anche qualche errore di “traduzione” presente sul frontale.

Il nome

AM200P CCC, dedicato al bicentenario dalla morte di Amadeus Mozart , P sta ovviamente per preamplifier, CCC in effetti doveva essere un DCC, direct current coupled, per cui evidenzia la mancanza di condensatori sul percorso del segnale.

L'esterno

Sul frontale, da sinistra verso destra, il pulsante d'accensione , la selezione degli ingressi, la manopola del volume con la “tacca” a led rosso la cui accensione segnala l'aggancio dei relè sulla linea d'uscita, il selettore per l'uscita tape indipendente da ciò che si sta ascoltando.

Nel retro sempre da sinistra verso destra, l'uscita linea, quella per  un ampli cuffia  ( che è rimasto solo nei pensieri ) e l'uscita linea ma rispetto alla prima, con la fase invertita, in modo da dare la possibilità di collegare i finali a ponte.

In fila i vari ingressi fino al connettore sub D 9 pin, che avrebbe dovuto servire per alimentare un ampli phono, ma anche questo è rimasto dentro la matita......  poi l'interruttore per disaccoppiare la massa di rete dal telaio, infine la vaschetta d'alimentazione.

L'interno

I PCB tutti in vetronite, sono stati verniciati per avere un'omogeneità di colore.

I due toroidali forniscono le tensioni, il più grande per la parte audio e il più piccolo per parte di controllo, la cui stabilizzazione avviene nel PCB a forma di L a loro vicino, la capacità totale di filtraggio si aggira sui 30.000uF!! Sulla parte destra ci sono sovrapposti, il circuito con la logica e la selezione degli ingressi ( sotto ) è anche il più grande PCB doppia faccia del pre su cui sono alloggiati i “preziosissimi” relè di selezione FEME e fa anche da base su cui poggia il piccolo circuito del potenziometro del volume. Fissato direttamente al pannello posteriore c'è il PCB che accoglie i connettori RCA e le loro relative masse.

Sopra al grande stampato si trova il vero cuore del pre, il PCB che contiene i circuiti audio. A quei tempi andavano molto di moda pre “esoterici” con la circuitazione nascosta dentro dei moduli affogata in resina epossidica, come si può vedere anche noi abbiamo preso quella strada ( tanto per complicare un po' il tutto...... ) facendo dei piccoli circuiti affogati in resina dentro contenitori per HF , questo garantisce anche una schermatura contro eventuali disturbi.

Il segnale dal selettore degli ingressi arriva al modulo siglato MOD.1 ( ovviamente uno per canale ) in cui è racchiuso un adattatore d'impedenza e un primo stadio d'amplificazione, dopodichè si passa al potenziometro, un bel Noble da 10k da qui il segnale va all'interno del modulo MOD.23 ( sempre uno per canale ) in cui viene sdoppiato amplificato e uno dei due invertito di fase. L'ultima parte è costituita dai push-pull caricati su un'impedenza d'uscita di 680 ohm.

Dietro il pannello frontale si trovano i circuiti dedicati al funzionamento dei pulsanti con cui si selezionano le sorgenti e il segnale da mandare al registratore.

Nota di Carioligi Federico : Di seguito troverete gli schemi di questo gioiello che ha compiuto 20 ANNI e che per la sua realizzazione non ha da invidiare niente ha oggetti di blasonata marca , anzi in certi casi risulta essere ben al disopra in tutto.

Tutta la documentazione è cartacea un lavoro meticoloso e professionale sotto tutti i punti di vista .

Vi riportiamo gli schemi digitalizzati .

Stadio alimentazione

Logica

Stadio di uscita

Selettore di ingresso

 

HOME

 

RITORNA